30 settembre 2009

La pietra del diavolo

English version of this post
Questa volta la nostra piccola indagine ci porta nella basilica di Santa Sabina. Ci troviamo a piazza Pietro d'Illiria, al centro del colle Aventino. Questa zona è bellissima, e predomina Roma da un punto ricco di leggende e curiosità, e non mancherà occasione di ritornarci per esaminare qualcos'altro.
La basilica di Santa Sabina all'Aventino
La basilica di Santa Sabina all'Aventino
Nella basilica di Santa Sabina non è difficile la domenica trovarvi giovani coppie che si sposano, essendo una delle più antiche e scenografiche chiese di Roma (vedi foto). Ma forse qualche dotto superstizioso potrebbe cambiare idea prima di compiere il “gran passo” proprio in questo luogo, se sapesse che il diavolo in persona è un assiduo frequentatore della zona.

Siamo nel 1220. In quest'epoca la vita di san Domenico e dei suoi frati, secondo le numerose leggende medievali (di cui è rimasta ampia documentazione), è più volte messa a dura prova da "incontri ravvicinati" con il diavolo. A noi interessa una leggenda che, però, a differenza delle altre, ha lasciato ancora oggi un segno tangibile.

La pietra del diavolo
La pietra del diavolo
Quella notte San Domenico, in estasi, pregava prostrato per terra all'ingresso della chiesa; il diavolo, incapace di indurlo al peccato, alquanto seccato, afferrò con i suoi artigli incandescenti un pesante blocco di basalto nero dal tetto della chiesa e glielo scagliò contro con una violenza inaudita; il tutto inutilmente, il blocco cadde sfiorando il santo, il quale non si fece neppure un graffio, nè si distolse dalla sua preghiera.
Si dice che alcuni riescano ancora a percepire Satana che, di tanto in tanto, torna a Santa Sabina, si ferma sulla porta e poi, sconsolato, se ne va.

Entrando in santa Sabina, subito dietro l’osservatore, nell’angolo sinistro della basilica (chi la noterebbe mai?) c’è una piccola colonnina tortile. Avvicinandosi alla colonnina, si vede, sopra di essa, una pietra nera tondeggiante, con grosse incisioni, dei buchi, come di un enorme artiglio...ecco a voi la "lapis diaboli" (vedi foto).
A guardarla bene...no, decisamente non è una palla da bowling...

La basilica di Santa Sabina è qui.

1 commento :

  1. sulla basilica potete vedere anche articolo recente a carattere generale

    RispondiElimina